Meteo | Webcam
logo toscanatoscana.it

San Vincenzo

San Vincenzo fu abitato fin da età antichissima; le prime tracce di presenza umana risalgono al periodo paleolitico superiore ed il luogo continuò ad essere popolato fino all'entrata in epoca storica.
Ciò si deve probabilmente alla sua fortunata posizione, dove le Colline Metallifere arrivano sin quasi sul mare formando una strettoia che mette in comunicazione la pianura del fiume Cecina con quella del fiume Cornia. Il primo nome conosciuto è quello di Torre di San Vincenzo , derivato dalla torre costiera un tempo facente parte di una residenza privata, ma di recente acquisita dal Comune.
Questa torre fa parte di una serie di fortificazioni e vedette di avvistamento disseminate lungo la costa, costruite al fine di difendere la spiaggia e i centri abitati dell'interno dagli occasionali attacchi dei pirati.
Agli Etruschi non sfuggì certamente l'importanza strategica di San Vincenzo, con le due valli laterali che incidono la collina creando agevoli approdi con la possibilità di risalire verso l'interno. Inoltre il luogo fu intensamente popolato sia per la vicinanza a Populonia, all'epoca potentissima Lucumonia, sia per la presenza di minerali e di estese foreste, quindi di fonderie, che ne fecero sicuramente una zona industriale di estrema importanza per tutta l'area.
Fra il IX ed il V secolo a.C. venne esercitata un'intensa attività mineraria alla quale era legata un'industria siderurgica ed un commercio di esportazione che costituirono una fonte notevole di ricchezza.
I Romani, conquistata la zona, fecero passare da San Vincenzo la via Aurelia e con tutta probabilità vi costruirono un villaggio e un approdo.
A seguito delle invasioni barbariche i Longobardi costruirono, sulla collina dominante il mare, il Castello di Biserno (nelle attuali cave di San Carlo) che, con l'avvento degli imperatori germanici, passò in possesso dei Conti della Gherardesca.
Nel 1304 la Repubblica di Pisa distrusse il Castello e costruì la torre costiera, costruzione che dette il via alla formazione del primo nucleo abitato composto da casupole di pescatori e contadini, dando vita alla nuova comunità di San Vincenzo, realizzandovi anche una dogana e un pontile di carico.
Con la caduta di Pisa la comunità passò nel 1406 sotto il dominio fiorentino e divenne parte del territorio di Campiglia.
Il 17 Agosto 1505 alla Torre di San Vincenzo le milizie fiorentine sconfissero Bartolomeo D'Alviano, comandante di un esercito di ventura, che accorreva in aiuto dei ribelli pisani. Dopo questo fatto la comunità di San Vincenzo seguirà le sorti del Granducato di Toscana fino all'unità d’Italia.
San Vincenzo è divenuto comune autonomo nel 1949, distaccandosi da quello di Campiglia Marittima, con Decreto del Presidente della Repubblica n. 414 del 3 giugno 1949.
Spiagge profonde di sabbia chiara e finissima si allungano su un mare color cobalto.
La pineta, protesa fino al mare, è folta ed ombrosa, ricca di percorsi per passeggiare, fare trekking, andare a cavallo.
San Vincenzo unisce, alle bellezze naturali, i comforts di una località accogliente ed ospitale, che la rendono meta di turismo internazionale, dove si possono vivere, tutto l'anno, vacanze rilassanti e serene.
Abitata fin da epoca antichissima, poi insediamento etrusco e romano, oggi San Vincenzo è una cittadina moderna ed efficiente, ricca di strutture ricettive e sportive e di un attrezzato porto turistico.
Ha fama internazionale per i suoi ristoranti, che propongono una cucina basata sui prodotti del territorio e gli eccellenti vini della zona.
Il Parco di Rimigliano, un ambiente naturale ricco e protetto, la vicinanza ai borghi medievali, alle vestigia etrusche di Baratti e Campiglia ed alle terme di Venturina, la rendono un baricentro ideale per interessanti visite ed escursioni nella Costa degli Etruschi.
E' un mare trasparente e cristallino quello che bagna San Vincenzo, orlato da una folta pineta e dalla rigogliosa macchia mediterranea.
La splendida spiaggia, di sabbia dorata e fine, si allunga per molti km ed ospita stalibilmenti balneari alternati ad ampi tratti di spiaggia libera ed ai Punti Azzurri, dove è possibile affittare sdraio ed ombrelloni.
Punteggiano il litorale l'antica Torre di San Vincenzo, edificata nel 1300, che ha dato il nome alla località, insieme ad altre fortificazioni e vedette di avvistamento, un tempo utilizzate per la difesa della costa dagli assalti dei pirati.
L'aria è tersa ed una leggera brezza favorisce la pratica di sport marini.
Antico ed importante scalo per il commercio di prodotti, oggi il porto turistico, capiente ed attrezzato, è in grado di ospitare centinaia di posti barca

IL PARCO NATURALE DI RIMIGLIANO - SAN VINCENZO (LIVORNO)

Una natura intatta e protetta caratterizza il Parco Naturale di Rimigliano, oasi floro-faunistica, situata direttamente sul mare, che invita a splendide passeggiate nel verde.
Fondato nel 1973, con una superficie di circa 120 ettari, il Parco rappresenta uno dei luoghi più suggestivi del litorale.
Sull'arenile, che si allunga tra San Vincenzo ed il golfo di Baratti, fiorisce il giglio di mare e le dune sabbiose sono ricoperte di ginepri, mirto e lentisco:
Boschi di lecci e sugheri e la folta pineta lambiscono la spiaggia di sabbia fine e dorata.
L'arenile è libero ed ospita Punti Azzurri, dotati di vari servizi.
Nel Parco vivono, tra gli altri, i conigli selvatici, le donnole e le volpi, tra i volatili, i fagiani e le cincie.

facebook tuscanysea twitter tuscanysea pinterest tuscanysea vimeo tuscanysea youtube tuscanysea g+ tuscanysea email tuscanysea

Facebook toscanatoscana.it

tuscany sea
logo toscanatoscana.it

qrcode tuscanysea Hotel Leopoldo in Via Marconi, 15 - 0586 754791
Residence Solferino Via Solferino, 30 - 0586 759742
Ristorante Schiacciatineria La Pinetina Vada - +39 0586 788093

P.IVA 01772500490 Il Solferino LTD

Portal developed by Piramedia Srl

Subscribe to our newsletter